Dichiarazione dei redditi 2018: scadenza 730 precompilato e Unico

Dichiarazione dei redditi 2018 nuova scadenza 730 precompilato ordinario e modello Redditi, cos’è e come funziona, novità, a chi dove e come si presenta?

La dichiarazione dei redditi è il documento contabile mediante il quale i cittadini-contribuenti comunicano al Fisco Italiano quali sono stati i redditi percepiti nel corso dell’anno precedente, sui quali poi verranno calcolate le relative imposte, a partire dal calcolo della base imponibile Irpef e delle relative aliquote.

Nella dichiarazione di quest’anno troviamo diverse novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2018, una tra tutte, le nuove scadenze fiscali 2018 per quanto riguarda la scadenza 730 e la scadenza Redditi, ex Unico.

Vediamo quindi la dichiarazione dei redditi 2018 cos’è e come funziona, la nuova scadenza 730 precompilato e modello Redditi, chi è obbligato a fare la dichiarazione dei redditi e costo.

Dichiarazione dei redditi cos’è?

Che cos’è la dichiarazione dei redditi? La dichiarazione dei redditi è un documento contabile e fiscale, che serve ai contribuenti – cittadini privati, imprese e titolari di partita IVA, residenti in Italia, a comunicare al fisco italiano, i redditi percepiti nel corso dell’anno precedente, tenendo conto delle spese deducibili e detraibili, sostenute dal contribuente per sè e per i familiari a carico e non a carico, o dell’attività in caso di impresa, autonomi, professionisti ecc.

Il cittadino o l’impresa, trasmettendo la dichiarazione dei redditi all’Agenzia delle Entrate, determina la base imponibile IRPEF o IRES, che è la base di calcolo da cui partire per la tassazione dei redditi percepiti.

Per essere in regola con il fisco, i contribuenti, sono obbligati a trasmettere la dichiarazione dei redditi con appositi modelli dichiarativi, che sono:

  • modello 730 ordinario;
  • modello 730 precompilato;
  • modello Redditi SC, SP e ENC, ex Unico;
  • modello Redditi PF persone fisiche e modello Redditi precompilato PF.

Dichiarazione dei redditi 2018 nuova scadenza:

Riguardo alla Dichiarazione dei Redditi 2018 scadenza 730, il termine è il 9 luglio è per chi trasmette il 730 ordinario al proprio sostituto d’imposta mentre la scadenza al 23 luglio è per chi provvede a presentare il 730 ordinario al CAF o altro intermediario e per tutti coloro che usano il 730 precompilato 2018.

La nuova scadenza 730 precompilato per la dichiarazione redditi 2018, è stata fissata a seguito dell’approvazione di un emendamento di modifica alla Camera, alla Legge di Bilancio 2018.

In base all’emendamento dal 2018, cambiano alcune importanti scadenze fiscali 2018 a partire da quella del 730 precompilato e del modello Redditi ex Unico.

Le nuove scadenze 2018 sono:

  • modello 730 precompilato scadenza al 23 luglio di ciascun anno: unica scadenza sia per chi presenta da solo il modello sia per chi si avvale dell’assistenza fiscale per la sua modifica, integrazione e/o trasmissione. Stessa scadenza anche per i Caf.
  • modello 730 ordinario scadenza 7 luglio, ovvero, 9 luglio 2018 per chi presenta il modello al sostituto d’imposta;
  • modello 730 ordinario scadenza 23 luglio 2018: per chi presenta il modello al CAF o altro intermediario.
  • scadenza modello Unico – Redditi: la scadenza passa dal 30 settembre al 31 ottobre, per il 2018 la nuova scadenza è quindi il 31 ottobre 2018.

Ricordiamo che la dichiarazione va presentata dai contribuenti obbligati alla trasmissione del modello 730 o il nuovo modello redditi ex Unico, e da coloro che intendono portare a deduzione e a detrazione, ai fini Irpef sui redditi, le spese sostenute nell’anno precedente a quello della dichiarazione.

Riassumendo, ecco la dichiarazione de redditi 2018 nuova scadenza:

dichiarazione dei redditi 2018 scadenza 730: scadenza modello Redditi ex unico:
9 luglio 2018: per chi presenta il 730 ordinario al proprio

sostituto d’imposta.

31 ottobre 2018
23 luglio 2018: 730 precompilato e

per chi presenta il 730 ordinario tramite CAF o altro intermediario.

30 giugno 2018: per chi è autorizzato a presentare il modello Redditi cartaceo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*